Il ThinPrep Pap Test

Le domande più frequenti sullo screening del cancro della cervice e le informazioni più importanti per la tua salute

Cos’è il cancro della cervice?

Come saprai la cervice uterina, o collo dell’utero, è quella parte di utero che si trova all’interno della vagina. All’interno della cervice sitrova il canale cervicale, che permette al sangue mestruale di uscire dall’utero e passare in vagina. Il cancro della cervice, che gli espertichiamano cervicocarcinoma, non si sviluppa improvvisamente: le cellule della cervice inizialmente si trasformano in cellule precancerose, cioè cellule anormali, ma non ancora maligne. Solo successivamente queste cellule possono diventare tumorali: questo passaggio di solito richiede molti anni. Grazie alla possibilità di scoprire per tempo queste cellule anormali con il pap test, il cancro della cervice è il tumore più facile da prevenire. Nonostante ciò, dopo il tumore al seno, è il tumore femminile più diffuso al mondo. In Italia si stima che ogni anno vengono diagnosticati circa 3.500 nuovi casi di cancro della cervice.

Quali sono le cause?

Il principale responsabile del cancro della cervice è il papilloma virus umano (HPV). In realtà non si tratta di un unico virus, ma di un folto gruppo di virus che si trasmettono tramite rapporti sessuali. La diffusione di questi virus è molto elevata se si considera che circa l’80% delle donne sessualmente attive può contrarre, entro i 50 anni, almeno un’infezione da virus HPV. Molti tipi di HPV sono innocui e regrediscono spontaneamente; alcuni di questi virus possono causare disturbi non gravi come i condilomi (verruche che si formano sui genitali). Tuttavia un piccolo gruppo di HPV, definiti ad “alto rischio”, possono invece progredire e portare al cancro della cervice.

Quali sono le cause?

Il pap test è un metodo di screening che consiste nella raccolta di cellule dalla cervice. Nel corso della visita ginecologica, vengono prelevate delle cellule dal collo dell’utero utilizzando apposite spatoline. Il prelievo è una procedura veloce e indolore. Con il metodo tradizionale le cellule vengono “strisciate” su un vetrino. Il vetrino viene poi mandato in laboratorio dove viene osservato al microscopio per verificare se sono presenti cellule anormali. Il periodo migliore per fare un pap test è nei 10-14 giorni successivi al primo giorno del ciclo mestruale. E’ importante evitare di fare il pap test durante le mestruazioni. Si raccomanda inoltre di evitare lavande, lubrificanti, farmaci e contraccettivi per via vaginale nei due giorni precedenti al pap test. Infine è meglio non avere rapporti sessuali nei due giorni precedenti il pap test. Il pap test è il metodo più efficace per lo screening del cancro della cervice. Dalla sua introduzione la mortalità per cancro della cervice è diminuita di oltre il 70%. Gli esperti dei programmi di screening di popolazione raccomandano di eseguire almeno un pap test ogni 3 anni nel periodo di età che va dai 25 ai 65 anni. Il tuo ginecologo ti dirà quando è più opportuno fare il prossimo pap test.

Cosa devo fare se il pap test è negativo?

Se il pap test è normale, cioè negativo, significa che puoi stare tranquilla perchè non sono state trovate cellule anormali o precancerose. In genere più del 90% dei pap test risultano negativi. Ricordati comunque di programmare il prossimo pap test con il tuo ginecologo così potrai continuare a stare tranquilla.

E se invece è positivo?

Se il tuo pap test è anormale, cioè positivo, può significare che sono state trovate cellule anormali o precancerose. Però può anche significare che hai semplicemente un’infiammazione o altre patologie banali che si risolvono spontaneamente. Il tuo ginecologo potrebbe quindi decidere di approfondire la situazione con altri esami. Per esempio un test HPV o una colposcopia. Il colposcopio è uno strumento ottico che, grazie ad una sorgente luminosa e ad un sistema di lenti, consente di osservare la superficie esterna della cervice ad un maggiore ingrandimento.

Cos’è il test HPV?

Il test HPV è un test che cerca un’eventuale infezione da HPV ad alto rischio. Il test HPV può essere molto utile se il tuo pap test è leggermente positivo. In questo modo il ginecologo può valutare meglio il rischio che hai di sviluppare un cancro della cervice.

Che vuol dire se sono HPV positiva?

Anche se abbiamo visto che il papilloma virus è il principale responsabile del cancro della cervice, un test HPV positivo non vuol dire che tu hai un cancro. Indica semplicemente che, al momento, tu hai un papilloma virus umano ad alto rischio. E’ importante sapere che nella stragrande maggioranza delle donne esposte al virus HPV, anche se ad alto rischio, non si trovano cellule precancerose della cervice. Infatti, molte delle infezioni da HPV dopo due anni scompaiono da sole.

Se sono stata vaccinata devo continuare a fare il pap test?

L’introduzione della vaccinazione contro l’HPV è un eccezionale strumento per ridurre ulteriormente l’incidenza del cancro della cervice. Il vaccino HPV protegge dai due tipi di HPV ad alto rischio più diffusi: il 16 ed il 18 che, da soli, sono responsabili di circa il 70% dei cancri della cervice. Questo però vuol dire che il vaccino non protegge dagli altri HPV ad alto rischio. Quindi è necessario a continuare a fare il regolarmente il pap test anche dopo la vaccinazione. Gli studi hanno dimostrato che il vaccino è più efficace se viene fatto prima dell’inizio dell’attività sessuale. Per questo motivo il vaccino in Italia è gratuito per le bambine nel 12° anno di vita. Chiedi al tuo ginecologo se il vaccino può essere utile per te.

Cos’è il ThinPrep Pap Test?

Il ThinPrep Pap Test rappresenta un’innovazione del vecchio pap test tradizionale. Una volta eseguito il prelievo il ginecologo non striscia più la spatolina sul vetrino ma la risciacqua in un barattolino che contiene un liquido che conserva le cellule. In questo modo quasi tutte le cellule vengono conservate e in più non subiscono il “trauma” di essere strisciate. Il barattolino viene mandato in laboratorio, dove un apposito strumento separa le cellule dal materiale non necessario come muco e sangue. Ciò rende il vetrino ThinPrep Pap Test più facile da leggere per il personale di laboratorio. Inoltre, siccome non tutte le cellule vengono trasferite sul vetrino, ma rimangono conservate nel barattolino, il tuo ginecologo può richiedere al laboratorio altri test, per esempio il test HPV, generalmente senza costringerti a tornare per un altro prelievo.

Perchè dovrei chiedere il ThinPrep Pap Test?

Centinaia di studi hanno dimostrato i benefici clinici del ThinPrep Pap Test, tra cui una maggiore individuazione delle lesioni precancerose e la riduzione dei test inadeguati. Questi studi hanno coinvolto milioni di donne in tutto il mondo. Per questo il ThinPrep Pap Test è stato approvato dalla FDA americana come “significativamente più efficace nell’individuare le cellule precancerose della cervice”.

Clicca qui per la versione PDF dell'approfondimento